WebMail

01 Dicembre 2020 - 16:42

home cronaca sport sport g. giornali economia cultura messaggi links
Google
Referendum: gli italiani dicono s alle rinnovabili
Vincono i s alla modernizzazione del nostro Paese. Cos Luigino Quarchioni e Franca Poli, rispettivamente presidente e responsabile scientifico di Legambiente Marche, commentano l'esito del referendum e la decisione degli italiani di chiudere la partita del nucleare.
Con questa seconda vittoria dopo 25 anni, i cittadini, e soprattutto i marchigiani che si sono recati alle urne numerosissimi, hanno dimostrato di volere un Paese che guarda al futuro e in grado di affrontare le attuali sfide economiche, ambientali e sociali, all'insegna dello sviluppo delle tecnologie per il risparmio energetico e le fonti rinnovabili. necessario quindi accelerare sulla realizzazione di impianti da fonti rinnovabili e dare risposta concreta alle richieste dei cittadini, un processo di cambiamento, non solo energetico, gi in atto da anni anche nella nostra Regione.

Secondo il rapporto di Legambiente Comuni Rinnovabili 2011 infatti, molti sono i municipi virtuosi delle Marche che hanno gi realizzato nel proprio territorio impianti alimentati da fonti rinnovabili e che stanno investendo in risparmio energetico. Al 31 maggio scorso, sono stati installati nelle Marche 366, 34 MW di fotovoltaico (dati GSE). Inoltre, tra le quattro amministrazioni italiani premiate da Legambiente per le buone pratiche, spicca il parco minieolico del comune di Peglio in provincia di Pesaro e Urbino.

In occasione del Wind Day, la giornata mondiale dedicata allenergia eolica che si festegger domani, accendiamo di nuovo i riflettori sul comune di Peglio, grazie al quale nelle Marche ha preso finalmente il via la produzione di energia eolica, ma anche e soprattutto perch si tratta di un buon progetto che si inserisce perfettamente nel contesto paesaggistico del nostro territorio senza comprometterlo e che quindi incoraggia la diffusione di piccoli impianti eolici. L'esperienza del comune di Peglio dimostra quindi come le fonti rinnovabili sono oggi tecnologie affidabili, su cui possibile costruire un modello energetico pi moderno, efficiente e pulito. Dopo la pronuncia degli italiani concludono Quarchioni e Poli -, occorre promuovere con la stessa forza e determinazione con cui abbiamo sostenuto il referendum contro il nucleare, lo sviluppo delle fonti rinnovabili sul territorio. Chiediamo quindi alle istituzioni di agevolare e incentivare le buone rinnovabili e semplificare le procedure per le installazioni laddove non costituiscono un problema per il paesaggio.


I COMUNI RINNOVABILI 2011 DELLE MARCHE:

Primi 50 comuni del fotovoltaico:
24 Corinaldo (AN) 8.137,75 solare fotovoltaico KW, 1.575,56 ogni 1.000 abitanti

Primi 10 comuni del solare fotovoltaico in edilizia:
9 Monteprandone (AP) 404 KW

Primi 10 comuni mq installati solare termico:
5 Senigallia (AN) 4.000 mq

Primi 50 comuni del mini idroelettrico:
29 Ussita (MC) 3,36 MW

Primi 10 comuni del geotermico a bassa entalpia:
9 Loreto (AN) 600 KW

Primi 20 comuni del biogas elettrico:
Maiolati Spontini (AN) 9,4 MWe

Le buone pratiche del solare:
A Pesaro, grazie alla collaborazione tra il Comune e unazienda privata, stato realizzato un impianto a copertura di un grande parcheggio gratuito dellAdriatic Arena, per la sua tipologia uno tra i pi grandi impianti realizzati in Europa in area pubblica. La superficie del parcheggio fotovoltaico di 25.000 metri quadri per 2.325 kW di potenza elettrica, 2.600.000 kWh/anno di produzione di energia pulita, pari al fabbisogno annuo di 800 famiglie.
Altrettanto interessante risulta limpianto realizzato sullo stabilimento del Comune di Tolentino (MC) per Poltrona Frau dove limpianto fotovoltaico da 1,4 MW funge contemporaneamente da centrale elettrica e tetto, canalizzando le acque meteoriche e potenziando limpermeabilizzazione della struttura sottostante con una soluzione innovativa dal punto di vista estetico.

Le buone pratiche del solare termico:
Universit di Camerino (MC) che ha adottato questa tecnologia installando sui 5 edifici dellEnte Regionale per il Diritto allo Studio impianti solari termici per 376 mq. Limpianto, composto da 162 pannelli, stato dimensionato per rispondere allingente fabbisogno di acqua calda sanitaria di circa 17 mila litri al giorno, a servizio dei dormitori, della mensa e dellauditorium.

Le buone pratiche dell'idroelettrico:
Nella centrale idroelettrica di Villa SantAntonio (AP) il rifacimento totale ha permesso di aumentare la potenza installata e lefficienza dellimpianto del 25%, con complessivi 500 kW di potenza installata. La centrale utilizza le acque irrigue defluenti dal canale di bonifica attinge alle acque del fiume Tronto sfruttando una portata di 6 metri cubi al secondo ed un salto utile di circa dieci metri. Tale progetto ha visto coinvolti un soggetto privato e il Consorzio di Bonifica dellAso, Tenna e Tronto.


L'ufficio stampa di Legambiente Marche
Francesca Pulcini
334.6031135
 

Torna alla categoria "cronaca"

Siti Web personalizzati di Euweb.it